-

 - -

Kyiv. Lavra Pecherskaya - Lavra Nebesnaya

Lavra Pecherskaya nebesnaya krasa.Foto Paul Lashkevich_ 05.Mar.2007_ 082.JPGLavra Pecherskaya.All Saints Bell.Foto Paul Lashkevich_14.June.2007_049.JPGLavra Pecherskaya.Lavra Nebesnaya Bell.Foto Paul Lashkevich_20.Sept.2008_DSC08039.JPG

 -

   Paul_V_Lashkevich

 - e-mail

 

 -

 LiveInternet.ru:
: 08.09.2009
: 15934
: 6526
: 25120

:

A. .


: 3._ (3657), 2._ (4469), 1._ (2266), : (9160), : ,,,(7361), : (5295), : (5277), : - - (3678), : - (1054), : ?(1249), : (1724), : - - - (1169), : (1929), : (2383), : - (2174), : - - - (2974), : - - (4282), : - - (2342), (598), - Ѳ - (1647), (346), в (342), : , (492), : , , (277), : (773), : (2331), : -, -(1199), : - - - .(494), - - - (1343), - (99), - - - (660), - (2270), - - - - (2916), - Messe pour la liberté religieus(490), : ?(650), : - - (3289), : ,,,(3736), - - - .(1805), - - - .(1798), - - - .(1801), - - - - (3062), - (1849), - (2172), - - (1978), : (2701), : .(2997), : - - deep thinking(900), (2962), - (736), (951), : - - - - (1242), - - - (584), : --(2735), : - (2288), .__-(45), . . . (56), . . . .(754), . . . (79), . - Paul_V_Lashkevich(2093), . (19), . Paul_V_Lashkevich?(54), TS - - (116), TS(179), Skype: You with Me(14), AUDIO - & - VIDEO - & - FOTO(4511), All Internet(2231)
(0)

, 28 2017 . 00:35 +
[ + !]



, …, !

. , – .

, – . 10 , ,  .  , , , ,   . -   , .

10     

...
: - -
A.
2._

(0)

(+)

, 26 2016 . 23:56 +
liveinternet.ru/users/paul_...405080862/

3418201_002__Cross_950605642_dynamic_8_Kb__ (73x110, 7Kb)

(.....)
+++

: , , ? , , . « , ; , ».  10.28. , .  

,

,  

, ,

,  «

».

? - ?

,

: , -.

– ,

, .

.

. , ,  « ».  , ( ), , - . , . , , «» . , , , .

… , , . . , . , , , , .

, . , -.

, , . , .

: « ? , , …». : « Ѩ, … , , . . , , . : « »… , , , . ? ?..

, ».

.
.
.
.
.
.
:
.
, , , …
,

.

.
, .
.
« , ».

+++

:
:
: ?
: - -
A.
-
- - - -
:
:
: - -
:
: - - -
: - - -
: - -
1._
2._
3._
- - -
- Messe pour la liberté religieus
-
䳿 - - .

(2)

(+)

, 26 2016 . 23:53 +

1482785269_002_Cross_950605642_dynamic_8_Kb_ (73x110, 7Kb)

 +++

 
. . . , .
GUBERNIA.PSKOVREGION.ORG
 
 
 
Like
Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
 
Comment
Comments
 - « …» . : « , , ? « ? – . – ?.. . . : . . , , ».

+++

«, , , … ?»
 ̨  ̨ 10 , 20:00

 

2010 . , . « » : « ! , « », . , . . . , . , . . ! ...»

. . . , .

     –  . - 2008 . . . , . , . . , – ? ,  . . - . – . . . . . . , , . .

( ), – , . . , – – , . . . , , . , . . . . , , – , , . , .

Ƹ .  ,  , . , . Ƹ .

60-70- . , . , .    ( – -). . 17 1970 . , , 7 , . – .

…   , . « »,    « ». . . , . : «, , , ! . …». . . , . 2003 «» . . . . . . , .

. . 2008 : « , ?» - «  . . . . . . . . . . . , , ».

«»   , . Ƹ , , , : « - . . . , . . . . , - . - , . . . 70. . . , , . , , . ».

. . «» -, ,  . - . . . , – .

. , . . , , , ,  , . , ,  , . , , . , .

, . ,     . , . . , , . «, « », - , « », « », –      « ». –  « » « » « » . , « » 9 ».  – « »,  « . ».  , . . . , , , , , , . . .

« , – . –  , - . – . , , , , , . , . ?».

.   . , , . , … , , , . , . 2008 (  ). : « , . , . ? . . .   ( 2008 – - )  . « ». , . , , , , 1937 . , , , … , 20 , , . ? : « : , , , ».  , . 28 . - : .    , . . , « » , . «» : « , » : . , … , . . , , . . . -… ! ».

, . – . – , ( – ). . , – , - , , – , . (, «»). . , . . - , – , ? « », - . - , , . 

. . , – 1 2012 - « », «». , : « . , . . . - - 75 , . , , – . . , . . ».

. . « , , -  , - .  -  . , – . , , … , . , , ».

« - », - . « ».

, , . , . , .  , 2011 , ( ). , . . , . . , . , , . « , , - . . - . , …»

, . , . « – , - : -  , , , . , , , . – . ».

. : « , ». , . .

5 2013 .

. . – . . , , , , « ». « »  . ,   . , «» , , ,

- « …» . : « , , ? « ? – . – ?.. . . : . . , , ».

1938 , – 1942 … , . .

, . : « …». . . , , . «» , . (. 190 . 1 « , »). . , .

. «». . 

- . , : « // : // «, , , …  // ?».  20 1972 .

«, , , …». , «-», ,     , . . , , .

(« ») : « , // ». , – . , . , . , . , . . , . , … . . .

- : « , , , // , // , , // …». , : « , ? ?» - « , - . . – , . ».  . . , . « , - . . -  - . … , . , , . 0,5-1,5% , 2,5%»  : « ?»

-, , , . , .

« » . . . , , , . - , .

.   .  . : « ,   // , // // …».  .

«- . - », - « », .

? ,   . –  . .

: , , ? , , . « , ; , ».  10.28. , .   , ,   , , ,  «

: -
: .
- - - .
- - - .
- - - .
: --
:
:
: ,,,
:
: ?
: - -
A.
: -
: -
-
- - - -
: - - - -
:
:
- - - -
: - -
:
: - - -
: ,,,
: - - -
: - -
- - -
1._
- - -
- Messe pour la liberté religieus

(0)

Benedict XVI about the Church

, 26 2016 . 23:34 +
liveinternet.ru/users/paul_...403332241/

http://catholicnews.org.ua/semirichniy-yosif-racinger-pisav-lista-do-isusa

+++

Stan Barlovski shared Volodymyr Kulak's post.
December 22 at 1:32am

Volodymyr Kulak
December 21 at 10:58pm
2012 , , 1934 . : « ! . , . (), () . . ³ – ». .

, .

« », , 2016.

In 2012, during the construction of house ratsinheriv pentlinhu letter found in future Pope, which was written by the during of advent in 1934 Then Semylitniy Joseph wrote composed style love letter to Jesus: " favorite smurf Jesus! Soon you're ziydesh on earth. You want potishyty children, but also me. I would like to get mesal (Sluzhebnyk), Green (ornat felon) and the heart of Jesus. Will always be grateful. Congratulations - Joseph ratsinher ". to text was added hilyachka tree with an ornament and a candle.
Now how can we make sure this letter reached the recipient and the request has been completed.
Translation from the book "the hunger of God", Joseph Ratsinhera sermon from pentlinhu, Krakow 2016.
·
Rate this translation


2012 , , 1934 . : «
CATHOLICNEWS.ORG.UA
Like
Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
CommentShare
Seen by 9
1 Paul V. Lashkevich
Comments
Paul V. Lashkevich
Paul V. Lashkevich , - . - .
Like · Reply · Just now
+++

: .
:
:
: ,,,

:
A.
-
- - - -
:
:
:
: - - -
: - -
1._
2._
3._
- - -
- Messe pour la liberté religieus
-
䳿 - - .

(1)

Ukrainian Institute of Fashion History - updated their profile picture. September 28

, 26 2016 . 23:09 +

3418201_002__78929429_1318247718_540458443_1 (160x120, 37Kb) 

Ukrainian Institute of Fashion History -

updated their profile picture. September 28

1482782621_Ukrainian_Institute_of_Fashion_History__Ukrans_kiy_nstitut_stor_Modi_UIFH____14449856_1867985533429854_3428207322591518244_n (700x700, 21Kb)

 Ukrainian Institute of Fashion History - updated their profile picture. September 28 

+++

 

++++

Paul_V_Lashkevich

 
 
Ukrainian Institute of Fashion History /  updated their profile picture.
 

 

Like
Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
 
CommentShare
Comments
Paul V. Lashkevich  - .... ͳ ( ) ; - ...
 
LikeReply

+++

:
. - Paul_V_Lashkevich
: ,,,
A.
:
- - -
:
: - - -
: ,,,
: - -
- Ѳ -

1._
- + : - , , , ......

:  
(0)

Eterna Giovinezza ... ( & Valadier ....

, 25 2016 . 18:26 +
postoronnij [ + !]

Eterna Giovinezza ...

 (139x698, 27Kb)
Parlando di eterna giovinezza bisogna di sicuro nominare il famigerato conte Cagliostro, figura che sempre rimaneva molto enigmatica, forse troppo
Tempo fa ho raccolto parecchio materiale qua e là, e adesso come segnalibro lo deposito qui

Giuseppe Balsamo nacque a Palermo il 2 giugno 1743, dal mercante Pietro Balsamo e da Felicita Bracconieri. A causa delle modeste condizioni economiche, alla morte del padre fu affidato al seminario di S. Rocco a Palermo. Nel 1756 entrò come novizio presso il convento dei Fatebenefratelli di Caltagirone per essere affiancato al frate speziale, dal quale apprese i primi rudimenti di farmacologia e chimica. Nel 1768 sposò a Roma Lorenza Feliciani, avvenente e giovanissima fanciulla dell età di quattordici anni.

Fino al momento del matrimonio non si hanno altre notizie documentate: è presumibile che abbia vissuto di espedienti durante la gioventù. Daltra parte, lo stesso Cagliostro dichiarò pubblicamente di provenire da paesi sconosciuti, di aver trascorso gli anni dellinfanzia alla Mecca e di aver conosciuto gli antichi misteri dei sacerdoti egizi attraverso gli insegnamenti del sapiente Altotas. Sarà monsignor Giuseppe Barberi, fiscale generale del SantUffizio, che nel suo Compendio sulla vita e sulle gesta di Giuseppe Balsamo, redatto nel 1791, smentirà queste dichiarazioni divenendo uno dei suoi più accaniti detrattori. Secondo il Barberi, Cagliostro avrebbe esercitato truffe e mistificazioni anche a Barcellona, Madrid e Lisbona con laiuto della maliarda Lorenza, che irretiva uomini facoltosi con arti sottili che andavano dallavvenenza fisica alla promessa di miracolose guarigioni grazie a polveri e a formule magiche.

Risale al 1771 il primo viaggio a Londra della giovane coppia: sembra che là il Balsamo sia finito in prigione per debiti e, per restituire le somme dovute, fu costretto a lavorare come decoratore. Nel 1772 a Parigi, Lorenza si invaghì dellavvocato Duplessis e, a causa di questa relazione, fu rinchiusa nel carcere di Santa Pelagia, la prigione delle donne di malaffare. La riconciliazione non tardò ad avvenire e i coniugi, dopo varie peregrinazioni in Belgio e in Germania, rientrarono a Palermo e poi a Napoli. Nello stesso anno, il Balsamo si recò a Marsiglia e si cimentò nelle vesti di taumaturgo: sembra che, dietro lauto compenso, fece credere ad un innamorato di poter riacquistare il vigore fisico mediante lattuazione di alcuni riti magici. Scoperto limbroglio, fu costretto a fuggire e a cercare riparo in Spagna, a Venezia, quindi ad Alicante per terminare la fuga a Cadice. Ritornò a Londra nel 1776, presentandosi come conte Alessandro di Cagliostro, dopo aver fatto uso di nomi altisonanti accompagnati da fantasiosi titoli quali conte dHarat, marchese Pellegrini, principe di Santa Croce: durante questo soggiorno, insieme alla moglie, divenuta nel frattempo la celestiale Serafina, viene ammesso alla loggia massonica "La Speranza". Da questo momento la vicenda di Cagliostro può essere ricostruita sulla base di documenti ufficiali e non su libelli diffamatori fatti circolare dai nemici più acerrimi. La massoneria gli offrì ottime opportunità per soddisfare ogni ambizione sopita. Grazie alle vie da essa indicate e alle cognizioni acquisite, egli poté riscuotere successi appaganti moralmente ed economicamente che lo portarono, dal 1777 al 1780, ad attraversare lEuropa centro-settentrionale, dallAia a Berlino, dalla Curlandia a Pietroburgo e alla Polonia. Il nuovo rito egiziano di cui Cagliostro era Gran Cofto, aveva affascinato nobili ed intellettuali con le sue iniziazioni e pratiche rituali che prevedevano la rigenerazione del corpo e dellanima. Grande risalto ebbe, inoltre, la figura di Serafina, presidentessa di una loggia che ammetteva anche le donne, con il titolo di regina di Saba. Alla corte di Varsavia, nel maggio del 1780, ricevette unaccoglienza trionfale tributata dal sovrano in persona: la sua fama di alchimista e guaritore aveva raggiunto le vette più alte!

Considerevole diffusione ebbero in quegli anni lelixir di lunga vita, il vino egiziano e le cosiddette polveri rinfrescanti con i quali Cagliostro compì alcune portentose guarigioni curando, spesso senza alcun compenso, i numerosi ammalati che, nel 1781, gremivano la residenza di Strasburgo. Il comportamento filantropico, la conoscenza di alcuni elementi del magnetismo animale e dei segreti alchemici, la capacità di infondere fiducia e, al tempo stesso, di turbare linterlocutore, penetrarlo con la profondità dello sguardo, da tutti ritenuto quasi soprannaturale: queste le componenti che contribuirono a rafforzare il fascino personale e lalone di leggenda e di mistero che accompagnarono Cagliostro fin dalle prime apparizioni. Poliedrico e versatile, conquistò la stima e lammirazione del filosofo Lavater e del gran elemosiniere del re di Francia, il cardinale di Rohan, entrambi in quegli anni a Strasburgo. Tuttavia, Cagliostro raggiunse lapice del successo a Lione, dove giunse dopo una breve sosta a Napoli e dopo aver risieduto più di un anno a Bordeaux con sua moglie. A Lione, infatti, egli consolidò il rito egiziano, istituendo la "madre loggia", la Sagesse triomphante, per la quale ottenne una fiabesca sede e la partecipazione di importanti personalità. Quasi nello stesso momento giunse linvito al convegno dei Philalèthes, la prestigiosa società che intendeva appurare le antiche origini della massoneria. A Cagliostro non restava che dedicarsi anima e corpo a questo nuovo incarico, parallelamente alla sua attività taumaturgica ed esoterica, ma il coinvolgimento nellaffaire du collier de la reine lo rese protagonista suo malgrado, insieme a Rohan e alla contessa Jeanne Valois de la Motte, del più celebre ed intricato scandalo dellepoca, il complotto che diffamò la regina Maria Antonietta e aprì la strada alla rivoluzione francese. Colpevole solo di essere amico di Rohan e di aver consigliato di rivelare la truffa al sovrano, Cagliostro, accusato dalla de la Motte, artefice di ogni inganno, fu arrestato e rinchiuso con sua moglie nella Bastiglia, in attesa del processo. Durante la detenzione, ebbe modo di constatare quanto grande fosse la popolarità raggiunta: furono organizzate manifestazioni di solidarietà e, il giorno della scarcerazione, fu accompagnato a casa dalla folla acclamante. Nonostante il Parlamento di Parigi avesse appurato lestraneità di Cagliostro e di sua moglie alla vicenda, i monarchi ne decretarono lesilio: la notizia giunse a pochi giorni dalla liberazione, costringendo il "Gran Cofto" a riparare frettolosamente a Londra. Da qui scrisse al popolo francese, colpendo il sistema giudiziario e preannunciando profeticamente la caduta del trono capetingio e lavvento di un regime moderato. Il governo francese si difese opponendo gli scritti di un libellista francese Théveneau de Morande che, stabilita la vera identità di Cagliostro e di Serafina, raccontò sulle gazzette le peripezie e i raggiri dei precedenti soggiorni londinesi, al punto che lavventuriero decise di chiedere lospitalità del banchiere Sarrasin e di Lavater in Svizzera. Rimasta a Londra, Serafina fu persuasa a rilasciare compromettenti dichiarazioni sul marito che la richiamò in Svizzera in tempo per farle ritrattare tutte accuse.

Tra il 1786 e il 1788 la coppia cercò di risollevare le proprie sorti compiendo vari viaggi: Aix in Savoia, Torino, Genova, Rovereto. In queste città Cagliostro continuò a svolgere lattività di taumaturgo e ad istaurare logge massoniche. Giunto a Trento nel 1788, fu accolto con benevolenza dal vescovo Pietro Virgilio Thun che lo aiutò ad ottenere i visti necessari per rientrare a Roma: pur di assecondare i desideri di Serafina, era disposto a stabilirsi in una città ostile agli esponenti della massoneria, considerati faziosi e reazionari. Cagliostro, poi, preannunziando la presa della Bastiglia, carcere simbolo dellassolutismo monarchico, e la fine dei sovrani di Francia, destava particolare preoccupazione, alimentata anche dalla sua intraprendenza negli ambienti massonici. Non trovando terreno fertile nei liberi muratori, che oramai guardavano a lui solo come ad un volgare lestofante, Cagliostro tentò di costituire anche a Roma una loggia di rito egiziano, invitando il 16 settembre 1789 a Villa Malta prelati e patrizi romani. Le adesioni furono soltanto due: quella del marchese Vivaldi e quella del frate cappuccino Francesco Giuseppe da San Maurizio, che fu nominato segretario. Liniziativa, pur non conseguendo lesito sperato, fu interpretata come una vera e propria sfida dalla Chiesa che, attraverso il SantUffizio, sorvegliò con maggior zelo le mosse dello sprovveduto avventuriero.

Il pretesto per procedere contro Cagliostro fu offerto proprio da Lorenza che, consigliata dai parenti, aveva rivolto al marito accuse molto gravi durante la confessione: era stata indotta a denunciarlo come eretico e massone. Cagliostro sapeva bene di non potersi fidare della moglie, che in più di unoccasione aveva dimostrato scarso attaccamento al tetto coniugale, e per questo sperava di poter rientrare in Francia, essendo caduta la monarchia che lo aveva perseguitato. A tal fine scrisse un memoriale diretto allAssemblea nazionale francese, dando la massima disponibilità al nuovo governo. La relazione venne intercettata dal SantUffizio che redasse un dettagliato rapporto sullattività politica ed antireligiosa del "Gran Cofto": papa Pio VI, il 27 dicembre 1789, decretò larresto di Cagliostro, della moglie Lorenza e del frate cappuccino.

Ristretto nelle carceri di Castel SantAngelo sotto stretta sorveglianza, Cagliostro attese per alcuni mesi linizio del processo. Al consiglio giudicante, presieduto dal Segretario di Stato cardinale Zelada, egli apparve colpevole di eresia , massoneria ed attività sediziose. Il 7 aprile 1790 fu emessa la condanna a morte e fu indetta, nella pubblica piazza, la distruzione dei manoscritti e degli strumenti massonici. In seguito alla pubblica rinuncia ai principi della dottrina professata, Cagliostro ottenne la grazia: la condanna a morte venne commutata dal pontefice nel carcere a vita, da scontare nelle tetre prigioni dellinaccessibile fortezza di San Leo, allora considerato carcere di massima sicurezza dello Stato Pontificio. Lorenza fu assolta, ma venne rinchiusa, quale misura disciplinare, nel convento di SantApollonia in Trastevere dove terminò i suoi giorni. Del lungo periodo di reclusione, iniziato il 21 aprile 1791 e durato più di quattro anni, rimane testimonianza nellArchivio di Stato di Pesaro, ove sono tuttora conservati gli atti riguardanti lesecuzione penale ed il trattamento, improntato a principi umanitari, riservato al detenuto.

In attesa di segregare adeguatamente il prigioniero, egli fu alloggiato nella cella del Tesoro, la più sicura ma anche la più tetra ed umida dellintera fortezza.

In seguito ad alcune voci sullorganizzazione di una fuga da parte di alcuni sostenitori di Cagliostro, nonostante fossero state prese tutte le misure necessarie per scongiurare qualunque tentativo di evasione, il conte Semproni, responsabile in prima persona del prigioniero, decise il suo trasferimento nella cella del Pozzetto, ritenuta ancor più sicura e forte di quella detta del Tesoro.

Il 26 agosto 1795 il famoso avventuriero, oramai gravemente ammalato, si spense a causa di un colpo apoplettico. La leggenda che aveva accompagnato la sua fascinosa vita si impossessò anche della morte: dai poco attendibili racconti sulla sua presunta scomparsa giunti fino ai giorni nostri, è possibile intravedere il tentativo, peraltro riuscito, di rendere immortale, se non il corpo, almeno le maliarde gesta di questo attraente personaggio.
 (591x696, 34Kb)

LINCANTESIMO ALCHEMICO

Lalchimia, ovvero la pretesa scienza che si riteneva permettesse di convertire i metalli vili in nobili e di creare medicamenti atti a guarire ogni malattia e a prolungare la vita oltre i termini naturali, fu praticata con particolare dedizione da Cagliostro. Attirato da tutto ciò che potesse solleticare il curioso intelletto, ansioso di accedere alle nuove correnti, alle dottrine più originali, alle teorie filosofiche provenienti dallOriente e per questo maggiormente inficiate da elementi magici e cabalistici (in Europa vi erano moltissime logge dedite allermeneutica alchemica), egli fu senza dubbio interprete dello spirito innovativo che caratterizzò il XVIII secolo. La fortuna di Cagliostro, infatti, è indissolubilmente legata alla sua capacità di incarnare complesse e svariate personalità: mago, medico, veggente, filantropo. Poiché nel Settecento il bisogno di giungere il più vicino possibile alla comprensione del soprannaturale aveva contagiato tutte le classi sociali (affascinate dal culto per il meraviglioso, prodotto dellIlluminismo, del Saturnismo e dellermeneutica alchemica), Cagliostro decise di svolgere la determinante funzione di divulgatore di una scienza che prima di lui era riservata a pochi iniziati, essendo considerata astrusa e proibita. Per poter ricoprire il ruolo di esoterista e di uomo di pensiero egli dovette, dunque, vestire i panni del mago-veggente ma anche del medico-taumaturgo. Le doti taumaturgiche, poi, nel XVIII secolo venivano spesso messe in relazione con quelle alchemiche e di conseguenza la figura dellalchimista assunse la dignità e il fascino di chi conserva il più profondo segreto della conoscenza, necessario per destreggiarsi nelle teorie relative allimmortalità dellanima e alla metempsicosi, alimentate nel secolo di Cagliostro da quei filosofi che erano interessati ad unindagine di carattere spiritualista e materialista insieme.

Cagliostro, dunque, ascende al rango di sapiente, consapevole sia dellimportanza della materia di cui conosce i misteri sia del rispetto delle regole che governano deontologicamente questa scienza: la sua proverbiale filantropia si ispirò, probabilmente, proprio ai principi della filosofia alchemica che impedivano ogni genere di speculazione sulla conoscenza di metodologie destinate esclusivamente al miglioramento delle condizioni di vita delluomo. Le cognizioni alchemiche di Cagliostro non si risolvono, quindi, nel puro e semplice procedimento empirico per la preparazione di unguenti e medicamenti, ma aspirano al raggiungimento di una gnosi esoterica che consenta la massima elevazione spirituale.

Dalla abbondante quanto inattendibile letteratura sulla vita di Cagliostro, abbiamo appreso che il suo primo maestro in campo medico e alchemico fu Altotas, un personaggio alquanto oscuro di dubbia provenienza che morì a Malta nel 1767. Sembra che costui fosse esperto di medicina popolare e dellarte di tingere e trattare i metalli.

Linsegnamento che Cagliostro ne ricavò fu certamente legato alla semplice empiria: agli inizi della sua carriera, quando ancora si faceva chiamare Giuseppe Balsamo, lalchimia fu un mero espediente che gli consentì di fare soldi con la vendita di alcuni "segreti". Dopo il 1772, quando, in seguito alladesione alla massoneria, egli aveva assunto il nome di Alessandro conte di Cagliostro, incontrò il monaco benedettino Dom Antoine Pernety, uomo di vasta erudizione che era stato chiamato alla corte di Federico II di Prussia, dove aveva conosciuto importanti uomini di cultura che lo avevano iniziato alle scienze ermetiche. Sembra che Pernety abbia poi fondato un proprio rito del quale prese parte lo stesso Cagliostro, suo convinto sostenitore. Proprio da questa eccellente frequentazione, Cagliostro apprese che non era possibile interpretare lalchimia come una prassi fondata su storte ed alambicchi, ma che invece bisognava intenderla come una scienza ermeneutica che ricerca il segreto della pietra filosofale, con lausilio di antiche scritture egiziane e greche. Di conseguenza, egli si appropriò della funzione di custode degli arcani della natura, celati negli antichi caratteri geroglifici. Infatti, secondo quanto tramandato da Ermete Trismegisto, solo pochi aderenti alla filosofia alchemica potevano essere considerati dagli antichi saggi egizi veramente meritevoli di partecipare alla conoscenza più profonda, opportunamente velata da enigmi e linguaggi di difficile interpretazione. Solo chi possiede il più autentico spirito alchemico sarà in grado di comprendere la verità nascosta in fatti apparentemente bizzarri, inverosimili, talvolta addirittura antitetici e fantastici e di impiegarla per scopi benefici. Cagliostro, aderendo a questi concetti, incarnò agli occhi del suo secolo la figura che compendiava in sé lantica saggezza dellermeneuta e labilità pratica dellempirista. Inoltre, riuscì a soddisfare il bisogno collettivo di fantasticare su tutto ciò che era incognito, inesplorato: fu proprio la fantasia popolare a creare il mito del conte alchimista, detentore della massima sapienza, conseguita attraverso viaggi in terre lontane che, opportunamente vagliati, risulteranno essere per lo più frutto dellimmaginazione.

Eppure è pervenuta fino a noi una tradizione che ci parla di un uomo proveniente da paesi sconosciuti in cui avrebbe vissuto in epoche indefinibili, che avrebbe compiuto viaggi favolosi: la Mecca, il Collegio di Salomone fondato dalla regina di Saba, lantica Tebaide, la torre di Babele, il monte Ararat, dove avrebbe visto i resti dellarca di Noè. Grazie a questi contatti, Cagliostro avrebbe acquisito profonde cognizioni nelle arti più nobili (spagirica, astrologia, interpretazione dei sogni, alchimia) che, successivamente, esercitò nelle più importanti corti dEuropa, raggiungendo così altissima fama: lo studio della sua casa parigina di Rue Saint-Claude diventerà il luogo in cui verranno ammessi pochi eletti a presenziare le cerimonie rituali; la popolazione potrà solo fantasticare sulle attività misteriche, sbirciando le rare apparizioni pubbliche del celebre occultista. Presentandosi, dunque, come depositario dellantica sapienza ermetica, Cagliostro negherà la "scienza della storia" di Gian Battista Vico, opponendo alla concezione secondo la quale luomo può conoscere solo ciò di cui è autore, e cioé la storia e non la natura, creata da Dio, la teoria che lasciava alla storia la possibilità di presentare dei vuoti, costituiti da eventi non spiegabili razionalmente ma intellegibili solo a chi fosse capace di compiere un percorso intriso di rituali che avrebbero consentito di penetrare con gli occhi della mente spazi infiniti.




 (481x699, 85Kb)



IL SODALIZIO MASSONICO



Il famoso romanzo di Alexandre Dumas dedicato a Cagliostro (il titolo originale è Joseph Balsamo e costituisce il primo libro del ciclo dumasiano dei Mémoire dun médecin), ha inizio con la descrizione di un rito massonico: sul monte Tonnerre, in una notte illuminata da un suggestivo corteo di fiaccole, un affascinante viaggiatore, dopo aver raccontato le fantastiche gesta della propria vita e dopo aver superato straordinarie prove di coraggio e lealtà, si rivelerà ai seguaci di una loggia massonica come il capo supremo, il "Grande Cofto". Cagliostro, dunque, come traspare fin dal prologo del romanzo, rifiuta la religiosità istituzionale e sceglie un percorso alternativo, fatto di credenze mistiche, esoteriche ed ermetiche che, ispirandosi al bisogno generale di libertà e giustizia, erano confluite nelle più importanti logge massoniche dEuropa.

Lideologia muratoria ebbe nel Settecento una travolgente e rapida propagazione, come testimonia lirrefrenabile incremento di ordini e riti ispirati ad antiche fonti sapienziali e ad accattivanti filosofie esoteriche. La fusione di gnosi e rito misterico, chiaramente percepibile fin dal procedimento iniziatico, aveva dato vita ad un insieme di verità di difficile codificazione, sopravvissute alla rovina e alloblio delle grandi civiltà del passato che le avevano originate, raggiungibili solo da alcuni prescelti. Per questo la tradizione massonica fu insignita di unaureola salvifica in grado di appagare lintimo bisogno degli accoliti che, in quanto eletti, svolgevano il delicato compito di sottrarre la conoscenza dei segreti allo scempio dei profani: ladesione alla massoneria comportava lapprendimento di cognizioni di carattere teurgico-cabalistico che consentivano di sviluppare una certa padronanza dellocculto. Tuttavia, a chi osservava questo modello associativo senza però farne parte, sembrava predominante il senso di solidarietà e lappoggio che gli affiliati erano soliti scambiarsi nei momenti di difficoltà, piuttosto che la conservazione e la trasmissione ai nuovi fratelli dei sacri misteri. Basandosi, dunque, su ferree regole di riservatezza suggellate da un inviolabile giuramento, la massoneria sviluppò una struttura settaria, caratterizzata da unappartenenza fraterna, in grado di superare qualunque dissenso: commercianti, banchieri, uomini di cultura e daffari riconobbero nellassociazionismo muratorio la via più rapida ed efficace per raggiungere le vette della scala sociale.



A Londra (1776), Cagliostro aveva aderito alla loggia "La Speranza", ottenendo prestigio e notorietà: strinse solide amicizie con gli stranieri e i borghesi che il fascinoso mondo massonico aveva attratto, venendo a contatto con le idee di tolleranza religiosa e di libertà intellettuale propugnate dalla massoneria inglese e con i segreti dei cavalieri templari, custoditi dalla massoneria degli "alti gradi". Prendendo spunto da un antico manoscritto inglese, diede inizio alla massoneria di rito egiziano, basata su pratiche rituali che avevano come scopo la rigenerazione del corpo e dellanima. Della loggia potevano fare parte tutti gli iscritti alla massoneria ordinaria, sia uomini che donne: Cagliostro, il Grande Cofto, era a capo della loggia, mentre Lorenza, divenuta la contessa Serafina, reggeva le assemblee femminili con il titolo di "Regina di Saba".

Il successo riscosso fu enorme: Cagliostro, che nel fraternizzare massonico aveva visto un canale di promozione e legittimazione sociale con il quale non interferivano la provenienza territoriale, lideologia politica o le attività connesse al ceto, aveva saputo tingere di mistero gli avvenimenti riguardanti la sua vita, costruendosi un passato fatto di epoche remote, avventurosi viaggi al limite dei territori conosciuti, ricerche ed esperimenti basati sulla cabala ebraica, sulla negromanzia e sulla teurgia. Nel 1784 ebbe loccasione di partecipare al convegno dei Philalèthes, unassociazione massonica che, vantando tra i propri seguaci numerosi ricercatori esoterici, voleva indagare sulle origini della Libera Muratoria. Tuttavia, pretendendo umilianti atti di sottomissione al rito egiziano, egli costrinse i Philalèthes a non dare seguito allinvito: la credibilità del Gran Cofto cominciava a vacillare, i massoni che fino a quel momento avevano avuto in lui una fiducia incondizionata decisero di prendere le dovute distanze dal maestro che volle ugualmente celebrare la fondazione della loggia egiziana Isis con una solenne cerimonia cui presero parte nobili, ecclesiastici e militari. Dellevento si parlò a lungo, fino a quando laffaire du collier non giunse ad oscurare la notorietà faticosamente guadagnata presso le raffinate e colte corti dellepoca. Da quel momento la massoneria di Cagliostro venne interpretata come un qualcosa di privato, mancante di un valido spessore culturale, traducibile in una setta dedita a pratiche contro lordine divino e naturale che rivendicava la libertà di associazione e di parola. La Chiesa dogmatica, quella che Cagliostro aveva forse inconsapevolmente contrastato, intervenne implacabilmente, facendo ricorso a tutti gli strumenti di persecuzione, primo fra tutti il SantUffizio, di fronte al quale si cercò di sminuire fortemente proprio lattività massonica al fine di sfuggire alle accuse di sedizione, magia, deismo ed eresia. Se la difesa di Cagliostro fosse stata condotta cercando di avvalorarne idee e dottrine, probabilmente non sarebbe giunta fino a noi la tradizione che lo vuole ciarlatano e mallevadore.

LINCONTRO CON CASANOVA



Nel 1769, Giacomo Casanova (Venezia, 1725-Boemia, 1798) incontra per la prima volta Cagliostro e la moglie Lorenza ad Aix-en-Provence, mentre è ancora convalescente a causa di una terribile pleurite. Di ritorno da un faticoso pellegrinaggio a San Giacomo di Campostella in Galizia, dove erano giunti viaggiando sempre a piedi e vivendo di elemosina, i coniugi Balsamo (con questo nome, infatti, Casanova li conobbe), si erano fermati in quella città per rifocillarsi e riprendere il cammino verso Torino, dove avrebbero fatto visita al Santo Sudario. Lincontro è narrato nel capitolo CXXX della Storia della mia vita, redatta negli anni 1789-1790 quasi come passatempo terapeutico dopo una grave malattia e divenuta, insieme alle Memorie, uno degli scritti più interessanti per lattendibile contenuto autobiografico e per la dilettevole vena polemica e satirica: [] Un giorno a tavola il discorso cadde sopra un pellegrino ed una pellegrina che erano giunti da poco. Essi erano Italiani e venivano a piedi da San Giacomo di Campostella, in Galizia; e dovevano essere persone di alto rango perché arrivando in città avevano distribuito abbondanti elemosine.

Si diceva che la pellegrina doveva essere molto bella, di circa diciotto anni, e che, molto stanca, appena arrivata, era andata a dormire. Il pellegrino e la pellegrina abitavano lo stesso albergo; il che ci rese tutti molto curiosi. Nella mia qualità di italiano dovetti mettermi alla testa della brigata per andare a fare una visita a quei due personaggi che dovevano essere due fanatici o due bricconi.

Trovammo la pellegrina sprofondata in una poltrona con laria di una persona affranta dalla fatica. Ella era singolarmente interessante per la giovane età che dimostrava, per la sua rara bellezza velata da una espressione di strana malinconia, e per un crocifisso di metallo giallo, lungo sei pollici, che teneva tra le mani. Al nostro apparire ella posò il crocifisso e si alzò in piedi per farci una graziosa accoglienza. Il pellegrino, occupato ad attaccare delle conchiglie al suo mantello di tela cerata, non si mosse. Posando gli sguardi sulla sua donna, parve volerci dire che non dovevamo occuparci che di lei. Dimostrava ventiquattro o venticinque anni. Era basso, ma ben fatto: sulla faccia, quasi spettrale, aveva i tratti dellarditezza, della sfrontatezza, del sarcasmo e della bricconeria. Il volto della sua donna, al contrario, rivelava la nobiltà, la modestia, lingenuità la dolcezza, e quel pudore timido che dà tanta grazia alle giovani donne. Quei due esseri, che non parlavano francese se non per quanto era loro indispensabile per farsi capire, respirarono quando rivolsi la parola in italiano. La pellegrina, quantunque non ce ne fosse bisogno perché la sua bella parlata lo rivelava a sufficienza, mi disse che era romana. Il suo compagno mi parve napoletano o siciliano. Il suo passaporto, datato da Roma, lo qualificava col nome di Balsamo. Ella si chiamava Serafina Feliciani, nome che non cambiò mai; mentre il suo compagno lo ritroveremo dopo dieci anni sotto quello di Cagliostro. [ ] Lindomani il marito di costei venne a chiedermi se volevo salire a colazione con loro e se preferivo che essi scendessero da me. Sarebbe stato scortese rispondergli: né una cosa né laltra. Gli dissi che mi avrebbero fatto piacere se fossero discesi. Durante la colazione trovai modo di chiedere al pellegrino quale era la sua professione, ed egli mi rispose che era disegnatore a penna, specializzato nel chiaroscuro. La sua arte consisteva nel copiare delle stampe, non nel farne; ma mi assicurò che vi eccelleva, e che era in grado di copiare una stampa in modo da rendere impossibile distinguere la copia dalloriginale. [ ] Mi fece vedere una copia di Rembrandt, più bella, se possibile delloriginale. Malgrado ciò mi assicurò che il suo mestiere non gli rendeva tanto da vivere; ma io non lo credetti. Egli mi faceva limpressione di uno di quegli uomini di talento poltroni che preferiscono il vagabondaggio alla vita laboriosa.

Nel giugno del 1778, Casanova incontrò nuovamente lavventuriero, giunto a Venezia con la bellissima moglie e laltisonante nome di conte di Cagliostro. I veneziani, ardenti di curiosità per luomo che più di ogni altro era riuscito a conciliare i rudimenti della medicina e della farmacopea con principi alchemici, teorie che affondavano le radici nella cabala ebraica e negli antichi cerimoniali egiziani, rimasero affascinati dal suo carisma e contribuirono ad incrementarne fama e fortuna, aprendogli i salotti più alla moda e più chiacchierati di quegli anni. Daltra parte, lo stesso Cagliostro era riuscito a fomentare lalone di mistero che lo circondava facendo abilmente credere di provenire da paesi lontani e narrando di viaggi attraverso lEuropa settentrionale, dallAia a Berlino, dalla Curlandia a Pietroburgo. Nel 1755, Giacomo Casanova aveva conosciuto il rigore dellInquisizione veneziana a causa del suo modus vivendi, considerato libertino ed epicureo. Fu accusato di praticare arti magiche, gioco dazzardo, truffa e di essere legato alla massoneria e ai Rosa Croce. Lattività di scrittore satirico venne giudicata sconveniente, tendente alla miscredenza, allirreligiosità e causa della corruzione morale e intellettuale di alcuni patrizi. Ne conseguì larresto e la reclusione nei Piombi, le terribili carceri veneziane che prendevano il nome dalle lastre di piombo che ne ricoprivano il tetto. Da quel luogo di indicibili sofferenze il Casanova riuscì a fuggire dopo quindici mesi, come egli stesso racconta nella Storia della mia fuga. Solo dopo diciotto anni, nel 1774, ottenne la grazia e il permesso di ritornare a Venezia: quando incontrò per la seconda volta lavventuriero palermitano, il ricordo dei tormenti della prigionia e dei metodi inquisitori era ancora fervido. Ammaliato dalle grazie della bella Serafina, si prestò a fare da guida alla città di Venezia, avendo espresso i coniugi il desiderio di visitarla. In quelloccasione, Casanova sentì parlare Cagliostro in modo irriverente e contrario ai principi religiosi: inutilmente mise in guardia il suo ospite dal pericolo di uninchiesta dellInquisizione e gli consigliò di non recarsi a Roma. Al culmine della notorietà e dellascesa sociale, Cagliostro non darà peso ai preziosi avvertimenti; i timori di Casanova prenderanno corpo dieci anni più tardi e diventeranno una terribile realtà con la reclusione a vita nella fortezza di San Leo.

 (563x699, 86Kb)

LAFFARE DELLA COLLANA



Nel 1785 in Francia ebbe inizio uno storico processo che molta parte avrà nella determinazione degli avvenimenti che di lì a poco porteranno alla rivoluzione francese. Protagonisti della vicenda, meglio conosciuta come affaire du collier, gli imputati Louis Rohan, Jeanne Valois de la Motte ed Alessandro conte di Cagliostro. Sul coinvolgimento della corona nellintrigo non indagò alcun tribunale civile, tuttavia, pochi anni dopo, una "giuria" popolare condannerà alla ghigliottina Maria Antonietta di Francia e Luigi XVI, ritenuti responsabili dello sperpero di favolose ricchezze, impiegate per sostenere lo sfarzo di una corte incurante della bancarotta dellintera nazione ed insensibile alla miseria e alla fame del popolo.



La vicenda cominciò quando i gioiellieri Bohemer e Bassange realizzarono per la favorita di Luigi XV, la marchesa du Barry, una preziosa collana in diamanti "alla schiava", composta da 575 gemme, del valore di un milione e seicentomila lire. La collana non trovò acquirenti perché Luigi XV si spense e i gioiellieri furono costretti ad attendere lascesa al trono di Luigi XVI per tentare nuovamente la vendita. Pur amando moltissimo i preziosi, Maria Antonietta si era opposta allacquisto, pronunciando la celebre frase: "Abbiamo più bisogno di navi che di gioielli". Bohemer, dopo molte insistenze, si arrese rassegnandosi ad un lungo periodo di prigionia nella Bastiglia a causa dei grossi debiti contratti per confezionare la favolosa collana. Non molto tempo dopo gli fu consigliato di sottoporre il gioiello al vaglio della contessa Jeanne Valois de la Motte, fidata consigliera della regina, che avrebbe potuto convincere facilmente la sovrana a cambiare idea sullaffare se soltanto lavesse voluto. La contessa de la Motte, ritenendo il gioiello degno di figurare al collo di Maria Antonietta, garantì la propria disponibilità a fare da tramite per la vendita, e lo sprovveduto gioielliere, rincuorato dalla notizia ricevuta, decise di affidarle la trattativa, ignaro di ciò che sarebbe accaduto. Chi era in realtà Jeanne de la Motte? Cagliostro avrebbe potuto rispondere facilmente al quesito, avendo intuito fin dal primo incontro la vera indole truffaldina della astuta donna. Ella si proclamava discendente dei Valois e, per questo motivo, era riuscita ad ottenere il favore del potente cardinale Louis Rohan, che notoriamente le rimpinguava le tasche, affascinato dal gradevole aspetto fisico e da una certa eleganza e raffinatezza di modi, insoliti per chi, come la contessa, fin dallinfanzia aveva vissuto di espedienti. Grazie alla protezione di Rohan si era procurata una certa considerazione nei circoli più alla moda della nobiltà francese, dove era necessario, per mantenere la posizione acquisita, disporre di ingenti somme di denaro per vestire con le stoffe più preziose o indossare vistosi gioielli. Labilità della de la Motte consisteva soprattutto nel saper sfruttare a proprio vantaggio gli intrighi di corte di cui veniva a conoscenza o i desideri e le attese delle personalità che frequentava. Già da tempo aveva convinto il prelato di essere in grado di influenzare la regina fino al punto di farla tornare a riflettere su decisioni apparentemente irrevocabili: proprio per questo motivo Rohan le aveva affidato una missione molto delicata, quella di riabilitarlo presso la corte più ambita dEuropa dove egli risultava sgradito da molti anni, a causa di inopportune dichiarazioni sulla politica di Maria Teresa dAustria, madre di Maria Antonietta. Questultima non poteva dimenticare linfamante lettera su sua madre, fatta circolare dal cardinale e subito intercettata, anche perché ella era a conoscenza di ciò che lo aveva spinto a scriverla, e cioé il sentimento di vendetta nei confronti di Maria Teresa, contro la cui semplicità e morigeratezza aveva urtato lo stile di vita di un uomo i cui modi avrebbero dovuto corrispondere a quelli di un ecclesiastico, piuttosto che a quelli di un raffinato cortigiano, dedito ai più squisiti piaceri della vita. A causa di ciò, Rohan era tenuto ben lontano dallentourage della regina, il cui rancore durava ormai da sette lunghi anni. La de la Motte aveva intuito lansia del cardinale di essere riammesso al cospetto della sovrana ed era decisa a trarne tutto il vantaggio possibile. Come prima cosa, per dissolvere eventuali dubbi sul suo reale rapporto con regina, imbastì una vera e propria corrispondenza epistolare tra Rohan e Maria Antonietta; in seguito, di fronte alle pressanti richieste da parte del cardinale per ottenere unudienza ove implorare umilmente il perdono della sovrana, la de la Motte fu costretta ad organizzare un finto incontro tra i due, durante il quale Rohan credette di riconoscere, nella giovane ingaggiata per la farsa, la regina cui egli aveva osato baciare lorlo dellabito. La gioia di Rohan era alle stelle come infinito era il sentimento di gratitudine per lartefice dellincontro: Jeanne de la Motte poteva avanzare qualunque richiesta senza temere rifiuto. In tale stato di esaltazione Cagliostro trovò il cardinale suo amico, quando nel gennaio 1785 si recò a Parigi. A nulla valsero i tentativi di metterlo in guardia da una figura così falsa come quella della contessa: Rohan non volle sentire ragioni, lunica cosa veramente importante per lui era aver riacquistato la benevolenza della regina.

Dellesaltazione del cardinale era ben consapevole anche la contessa che pensò di approfittare delloccasione offerta dalla vendita della collana per invischiarvi il prelato e gabbare così oltre a questi, anche i gioiellieri e la stessa regina. Sarebbe bastato far sapere a Rohan che la regina si era invaghita del prezioso gioiello, ma non disponendo della somma necessaria per acquistarlo, aveva bisogno di una persona di fiducia che garantisse con il proprio prestigio e, naturalmente, con il proprio patrimonio, la rateizzazione del pagamento. Ovviamente, su tutta la faccenda bisognava mantenere il più assoluto riserbo, essendo le casse della monarchia già in difficoltà da molto tempo. La risposta di Rohan fu quella che la de la Motte aveva furbescamente previsto: oltremodo lusingato dalla scelta della regina, fu ben lieto di dimostrarle la propria devozione dichiarando che avrebbe prontamente provveduto ad anticipare la somma occorrente. Fu così che i gioiellieri, confidando nelle credenziali di Rohan, decisero di avviare laffare.

 (472x699, 94Kb)

Il pagamento della collana fu concordato in quattro rate da quattrocentomila lire ciascuna, la prima doveva essere versata il 1 agosto dellanno in corso (1785). Quando il prelato seppe dalla contessa che Maria Antonietta aveva accettato le modalità di vendita del gioiello, convocò subito Cagliostro per comunicargli la lieta notizia e per chiedergli di interrogare gli spiriti sullesito della vicenda. Invano Cagliostro tentò di mettere in guardia lamico da quella che aveva laria di essere una vera e propria truffa: accortosi che Rohan non avrebbe permesso neanche a lui di diffidare della serietà della contessa, rassegnato, interrogò loracolo che pronunciò una sentenza favorevole allaffare e ai vantaggi che il cardinale ne avrebbe ricavato. Non appena ebbe ricevuto la collana dai gioiellieri, Rohan si affrettò a consegnarla nelle mani della contessa che inscenò per lui la consegna del gioiello allaraldo della regina: laffare sembrava definitivamente concluso!

Poco dopo, la collana venne suddivisa in mille gemme per essere venduta, senza destare sospetti, in molte parti dEuropa. Linganno durò fino al mancato pagamento della prima rata: le lamentele dei gioiellieri ad una dama di compagnia della regina fecero cadere lenorme montagna di bugie sulla quale era stato costruito lintero affare. Maria Antonietta, venuta a conoscenza della truffa, non intuendone immediatamente la reale pericolosità, rese pubblico lo scandalo e non accettò il risarcimento prontamente offerto da Rohan, che pure si dichiarava del tutto innocente, anzi ne ordinò limmediato arresto e la reclusione nella Bastiglia. Anche la contessa de la Motte venne arrestata, ma prima di essere imprigionata fece in tempo a trascinare nel fango lunico uomo che non era riuscita ad ingannare: Cagliostro fu da lei indicato come il vero artefice del complotto, nelle cui tasche erano finiti i proventi della vendita del gioiello. Il sedicente conte aveva ordito lintrigo per avidità di denaro e per manie di grandezza. Prova della sua colpevolezza il fatto che egli, pur non avendo mai acceso alcuna trattativa per acquistare o vendere, possedeva ogni bene. La contessa omise nella propria dichiarazione che Cagliostro riceveva regolari sussidi oltre che da Rohan, anche dal banchiere svizzero Sarrasin e da altri seguaci del Rito Egiziano. La denuncia sortì leffetto desiderato perché Cagliostro venne arrestato e rinchiuso nella Bastiglia. Dopo poche ore, la stessa Serafina fu incarcerata con laccusa di essere lamante e quindi la complice del cardinale.



La notorietà dei personaggi fece sì che la notizia del loro arresto si diffondesse molto rapidamente: grazie al risalto dato dai libelli che circolavano numerosi, la vicenda si trasformò in un vero e proprio scandalo, le cui dimensioni non potevano essere più controllate. Episodi piccanti e fantastiche dicerie alimentavano la curiosità popolare che seguiva attentamente lo svolgimento degli eventi. Prima dellinizio del processo, cominciarono a circolare i memoriali relativi a ciascun prigioniero che gli avvocati avevano compilato con molta cura, consapevoli di quanto fossero determinanti per una positiva risoluzione della vicenda. Grande successo ebbero quelli di Cagliostro e Serafina con i quali si schierò gran parte dellopinione pubblica, commossa dallingiusta carcerazione inflitta ai due coniugi. Serafina venne liberata dopo pochi giorni, mentre Cagliostro veniva sottoposto a duri interrogatori e a drammatici confronti con la sua accusatrice che continuava imperterrita a costruire intricate bugie per screditare anche Rohan e la stessa regina Maria Antonietta. Tuttavia, la vacillante testimonianza resa dalla de la Motte non convinse i giudici, come già il suo memoriale era risultato inattendibile ai più: tutte le infamanti calunnie in esso contenute si trasformarono in una sentenza di colpevolezza ed in una condanna alla fustigazione, alla bollatura col fuoco e allergastolo. La condotta del cardinale e quella del suo amico Cagliostro furono invece giudicate oneste e regolari: entrambi furono assolti con formula piena, fra le grida festanti della popolazione. Infatti, nonostante il coinvolgimento nellaffare della collana ed il processo, Cagliostro vide crescere la sua fama e linteresse del popolo nei confronti di quelle arti che aveva sempre coltivato per il bene del genere umano, come egli stesso aveva dichiarato nel memoriale. Tuttavia, la gioia per la scarcerazione ed il proscioglimento da ogni accusa fu davvero breve: era ancora festante quando gli fu recapitato lordine di lasciare Parigi entro otto giorni e la Francia entro tre settimane. La notizia giunse come un fulmine a ciel sereno e Cagliostro, intuito il pericolo, anticipò la partenza per lInghilterra. La sentenza del Parlamento aveva indignato i sovrani di Francia che, ritenendolo colpevole, si vendicarono costringendolo allesilio dal Paese che massimamente lo aveva stimato ed amato. Anche il cardinale fu obbligato dal re ad abbandonare tutte le cariche di corte: il papa lo sospese lasciandogli, però, intatte le rendite.

Lepilogo della vicenda si avrà soltanto nel 1789, con lo scoppio della rivoluzione: anche dopo la partenza di Cagliostro lopinione pubblica, il clero, i nobili, il parlamento non cessarono di chiacchierare dello scandalo, mettendo sotto accusa i sovrani la cui condotta era quantomeno dubbia. Non convinse, infatti, la completa estraneità della regina; sembrava che il clamore suscitato dallinchiesta fosse servito a nascondere dirette responsabilità. Laffaire du collier risultò determinante per le sorti della dinastia capetingia come per quelle del nostro personaggio: le persecuzioni di quanti lo ritenevano protagonista della vicenda continuarono aspramente a Londra, segnando linizio del suo declino.

 (560x699, 95Kb)

IL RIGOROSO ESAME DELLINQUISIZIONE



Grande scalpore suscitò in tutta Europa limprovvisa notizia, divulgata abilmente da molti giornali e riviste, dellinatteso arresto del conte di Cagliostro. Il fatto ebbe luogo a Roma, il 27 dicembre 1789, per ordine di papa Pio VI che, preoccupato dai racconti sugli eccezionali poteri e sulle gesta del nostro avventuriero, decise di rimettere nelle mani dellInquisizione romana la sorte del più pericoloso interprete dellinquietudine, dello spirito avventuroso e fantastico che caratterizzò il "Secolo dei Lumi". Il "Grande Cofto" si trovò così a dover fronteggiare i metodi spietati e cruenti del più temuto tribunale dellepoca, il SantUffizio. Era stato istituito nel 1542 da papa Paolo III su consiglio del cardinale Gian Pietro Carafa (futuro papa Paolo IV), reduce dalla Spagna dove aveva assistito personalmente alla repressione di ogni tendenza eretica ad opera del feroce organismo inquisitorio perfezionato da Tomas de Torquemada, il primo e più famoso "grande inquisitore", che aveva mandato a morte migliaia di presunti eretici.

Il SantUffizio dellInquisizione generale romana, seguendo il modello spagnolo, unificò lattività inquisitoriale che fino ad allora era stata esercitata dai vescovi, nelle diocesi di loro competenza. Composta da sei cardinali, questistituzione risultava decisamente nuova perché meno soggetta al controllo episcopale, ma anche perché procedeva affrontando il problema delleresia da un punto di vista dottrinale piuttosto che come pubblica miscredenza, dedicando speciale attenzione agli scritti di teologi o di alti ecclesiastici. Il suo raggio dazione si andò via via estendendo, grazie ad una minuziosa investigazione dei sospetti, fino a divenire vero e proprio strumento del governo papale, inizialmente impiegato per conservare lordine interno alla Chiesa ma, successivamente, adoperato per salvaguardare la stabilità di un potere tutto temporale. Fu, dunque, con lorganismo che nel 1633 aveva condannato Galileo che Cagliostro dovette fare i conti, porgendo tuttavia il fianco molto più apertamente del suo predecessore: la manifesta adesione alla massoneria, la divulgazione di culti esoterici, i molteplici esperimenti alchemici di cui era stato protagonista e, non da ultimo, la profetica predizione della caduta del trono capetingio costituivano di per sé, per lo zelante quanto ipocrita e spietato tribunale, prova sufficiente per emettere un verdetto di morte!



Loccasione per larresto si presentò in seguito alle accuse mosse da Lorenza Feliciani che, avendo trovato un sicuro rifugio a Roma, presso la famiglia, decise di fare importanti rivelazioni sulle attività praticate dal marito e sulle costrizioni che era stata costretta a subire: le veniva impedito con la forza di frequentare la Chiesa e di fare visita ai parenti. Già a Londra Lorenza aveva provato a denunciare il marito, ma Cagliostro era riuscito a salvarsi inducendola a ritrattare; questa volta, invece, con laiuto dei congiunti che sottoscrissero numerose delazioni, ella aveva conseguito lobiettivo più importante: Pio VI in persona, dopo un consulto con alcuni cardinali ed il Segretario di Stato Zelada, deliberò larresto di Cagliostro che fu immediatamente condotto nelle carceri di Castel SantAngelo, mentre Lorenza fu rinchiusa nel monastero di SantApollinare in Trastevere, a disposizione del SantUffizio. Con un preciso decreto il pontefice, infatti, aveva affidato al Supremo Tribunale il compito di prendere in esame i documenti e gli oggetti che erano stati sequestrati al momento dellarresto. Ampie facoltà, poi, vennero concesse agli inquisitori che non dovevano riferire necessariamente alla Congregazione, ma potevano agire con la massima celerità nellindagine e nella requisitoria, pur di portare a compimento il delicato processo. Le accuse rivolte a Cagliostro consistevano principalmente nellistigazione e nella propagazione della Loggia dei Liberi Muratori e nellesercizio di pericolosi e fuorvianti principi ereticali: anche rinchiuso nelle segrete di Castel SantAngelo, la più sicura fortezza papale, egli appariva pericoloso per la stabilità del soglio pontificio minato, secondo Pio VI, dallempietà e dalla nefandezza insite negli insegnamenti e nei misteri predicati, volti a svilire le verità della fede. Massimamente esecrabile, inoltre, era considerata larte divinatoria che in più di unoccasione Cagliostro aveva dimostrato di praticare, avvalendosi di strumenti il cui impiego risultava contrario alla dottrina cristiana. Egli, dunque, viene dipinto dal SantUffizio come il capo di un credo esoterico che, preannunciando a Villa Malta il movimento rivoluzionario che aveva cancellato una delle monarchie più solide dEuropa, quella francese, aveva dato prova tangibile del male di cui poteva essere origine. LInquisizione di Pio VI, nella sua lotta spietata alla massoneria, non vide o non volle vedere che nella realtà dei fatti mancavano le prove neccessarie per incriminare di tutto ciò leclettico avventuriero, colpevole soltanto di aver tratto vantaggio dalle suggestioni tanto abilmente create per la gioia di amici e conoscenti. Cagliostro finiva così per impersonare il male presente nel suo tempo, pur non avendo sostanziali connessioni con i più fondati sistemi di pensiero dellepoca, tanto avversati dalla Chiesa (le elaborazioni culturali di Diderot, DAlembert, Voltaire, Roussou, ecc. erano considerate responsabili di aver spinto la Francia alla rivoluzione); diveniva protagonista di macchinazioni politiche ordite con il supporto di una massoneria privata ridotta ad una setta dedita al sovvertimento delle regole divine, naturali e sociali. Per questo motivo, grande importanza fu data al Rituel de la Maçonnerie Egyptienne, il manoscritto che conteneva le teorie e le tesi massoniche divulgate da Cagliostro. Il SantUffizio decise di affidarne la disamina a due esperti della materia, il domenicano Tommaso Vincenzo Pani, commissario generale dellInquisizione, e Padre Francesco Contarini, consultore del SantUffizio. Lopera venne bollata come empia e accusata di contenere limpostazione dottrinale di principi ereticali e massonici, pericolosi per lintegrità del credo cattolico. Il pontefice poté così ordinare la distruzione del manoscritto e di tutti gli strumenti massonici sequestrati a Villa Malta. Lesecuzione della sentenza avvenne nella pubblica cerimonia detta sermo generalis o autodafé: dinanzi ad una folla acclamante furono bruciati i libri e gli oggetti del rito egiziano. Di lì a pochi giorni, Cagliostro fu tradotto nelle caliginose carceri della fortezza di San Leo, dove scontò la condanna alla reclusione perpetua; punizione forse ben più grave, per uno spirito libero, della pena di morte che Pio VI sospese poco prima delleffettiva attuazione.

 (295x324, 37Kb)

LA PRIGIONIA NEI DOCUMENTI DELLARCHIVIO DI STATO DI PESARO



Lettera del Cardinale De Zelada al Cardinale Doria, 16 aprile 1791

Ho consegnato questa mia umilissima, perché la faccia pervenire a mani dallE. V. dallaiutante deCorsi, a cui è stato affidato il trasporto alla fortezza di San Leo di Giuseppe Balsamo, denominato conte di Cagliostro, per esservi ritenuto sua vita natural durante, senza speranza di grazia, e sotto stretta custodia. Affinché allE.V. sien noti gli ordini e le istruzioni che per espresso comando di N.S. ho ingiunti a quel castellano, mi do lonore di accluderle copia della lettera, che con questo stesso corso di posta gli dirizzo. Non dubita il Santo Padre chegli si farà un attento, e premuroso dovere per lesatto loro adempimento: riposa peraltro intieramente la Santità Sua nello zelo e nellavvedutezza dellE.V., persuaso , che non lascerà di prendere tutti i mezzi onde vengano eseguiti i suoi ordini e le sovrane disposizioni. [ ...]





Lettera del conte Sempronio Semproni, governatore e castellano di San Leo al Cardinale De Zelada, 12 maggio 1791

[ ...] e parmi troppo necessaria una tale circospezione, trattandosi di dover fare con un uomo, che ha un fondo inarrivabile di furberia e raggiro, ed allora rimarrà certamente la Carcere del Pozzetto assai più salubre, anche al detto di questo dottore medico, che ho voluto che visiti, ed esamini con tutta attenzione, convenendo ancor esso, che la Carcere del Tesoro, ove di presente si custodisce Giuseppe Balsamo sia alquanto insalubre, si per laria, come per lumidità, che seco portano le mura di essa fatte allantica, con una scarpa grandissima, essendo questa, una di quelle tali Carceri fatta costruire ne barbari secoli, che li Malatesta possedevano questo Forte, ridotto indi a fortificazione più moderna da Guidubaldo secondo fu nostro Duca.

Sul proposito della barba, assicuro lEminenza Vostra di avere di già ben avvertito quel tale soldato, che lo serve di barba, che stia ben guardingo, se mai tentasse di volontariamente ferirsi, il che per altro non pare credibile, essendo questi un Uomo più amante del suo individuo più di qualunque altro, e che teme al sommo di morire, esso per altro col scarso suo pensare ha detto ieri appunto a questo dottore medico, che nella stessa sua Carcere, spoglia dogni arredo fuorché del necessario, vede occularmente in essa di versi Capi, co quali se volesse, si potrebbe procurare la morte, e segnatamente credio la resistenza delle muraglie, contro le quali potrebbe disperatamente e pazzamente battere il capo per uccidersi.

[ ...] Temendo io nello stato presente, come ebbi lonore di esprimerli in altra mia, più di una sorpresa esterna, che di un interno tradimento, e ciò in vista di questo particolare Rilegato, che ha uninfinità di incogniti aderenti e fautori [ ...]



Lettera del conte Sempronio Semproni, governatore e castellano di San Leo al Cardinale Doria, 31 maggio 1791

[ ...] vedo che con solo mio discapito (era compito dei castellani delle fortezze dello Stato di Urbino provvedere alle cibarie dei detenuti, come allinizio della lettera sottolinea lo stesso Semproni) può questo (Balsamo) alimentarsi per li soli fissati due pavoli al giorno, essendo uomo di gran pasto, di assai difficile contentazione, e che vuole le piattanze in buona quantità, ed assai bene bene condizionate, come finora ho procurato, che si faccia, ma non volendomi prendere lodiosità di restringerli il vitto, quasi che volessi lucrare sul di lui assegnamento, rimango per altro io contenro delli scudi otto mensuali ad esso fissati con li quali dovrò passarli ancora la consueta giornaliera Ciocolata, ed uso di biancheria da tavola e da letto, e tuttaltro che gli occorre, come tabacco, fattura di barbe ed altri utensili necessari, e consueti passarsi alli confinati. Fra pochi giorni si porrà mano al noto Coretto, la di cui fattura porterà una ristretta spesa, e con questo verrà ad impedirsi di essere trasportato in Capella, per fare le Sante divozioni, e dove senza pericolo di essere veduto dagli altri confinati, potrà ascoltare, e vedere la S. Messa. [ ...]

Lettera del conte Sempronio Semproni, governatore e castellano di San Leo al Cardinale De Zelada, 19 luglio 1971

[ ...] debbo notificare le continue e repplicate istanze, che tutto il giorno mi fa questo Rilegato Giuseppe Balsamo di poter essere trasportato nella nota carcere detta del Pozzetto, ora che è partito Gasperini, io fin qui mi sono sempre schernito col dire, che ciò da me non dipende, e che è necessario la previa approvazione di V.E. senza di cui io non posso fare innovazione alcuna; vero è che attualmente come le significai in altra mia, nella carcere del Pozzetto si custodisce il Rilegato Leopoldo Redi di Firenze, ma quante credesse espediente di ordinare il trasporto del Balsamo, per fargli respirare unaria più salubre, ciò può eseguirsi, collocandosi il Redi in una delle carceri nuove di sopra, che ho riconosciuta abitabile, e ben asciutta e nella quale manca, per essere ridotta a suo termine; resta soltanto di doversi apporre alla ferrata esteriore del Pozzetto la nuova ramata già fatta, che io ad ogni cenno farò porre al suo luogo, non avendo ciò prima effettuato per non ristringere di più il Redi, che non lo merita [ ...] .

 (394x631, 53Kb)

Lettera del conte Sempronio Semproni, governatore e castellano di San Leo al Cardinale De Zelada, 14 settembre 1791

[ ...] Non si è posto nella carcere del Pozzetto, se non che il di lui letto, con vaso da orinare, una sedia, ed il trecantone fissato nel muro per uso di tavola da mangiare. Tale trasporto sarebbe certamente stato eseguito prima ancora, ma siccome considerato che lo sportello di detta carcere, per lantichità ammetteva qualche fessura, ho creduto bene farlo rifare di nuovo più stabile, e sicuro, con due piccole feritoie ben coperte, e nascoste, per dove alloccorrenza possa occultarmente dal caporale di guardia o mio subalterno spiarsi cosa faccia il Rilegato ivi custodito [ ...] .

Lettera del Cardinale De Zelada al Cardinale Doria, Legato di Urbino, Roma 24 settembre 1791

Da ciò che V.E. mi significa in dettaglio colla sua del 18 del corrente settembre relativamente alla condotta di Giuseppe Balsamo detenuto nella fortezza di San Leo, si deduce un argomento manifesto come della malizia sopraffina di costui, così della necessità che vè di una somma diligenza e cautela nella sua custodia. Ben opportuna ravviso per tanto lavvertenza da lei fatta in questa parte al Castellano, del di cui contegno non posso in veruna maniera rimanere contento, subito che la circostanza che quella punta di maccatoio, assottigliata da Rilegato, e la scrittura fatta nel margine di alcune pagine di libri di devozione quanto possono aprir la strada a disordini assai seri, altrettanto denotano la inesattezza nel vegliare sulle operazioni del medesimo. Si compiacerà dunque lE.V. di partecipare seriamente allo stesso castellano questi miei sentimenti, e di rinnovargli gli ordini più pressanti per la rigorosa custodia del detenuto, alleffetto della quale sarà assai proficuo che frequenti, improvvise ed esatte sieno le visite da farsi non meno nel carcere, che indosso al medesimo, con renderla del tutto intesa, come le ho già fermamente prescritto. Attenderò poi dalla di lei bontà il riscontro preciso di quanto si è trovato presso il Rilegato stesso, e nel di lui carcere primiero. Non lascio contemporaneamente di interpellare lArchitetto Valadier sul progetto fatto dal Baldelli per la costruzione di una nuova cappella in detta fortezza; e ragguaglierò lE.V. di ciò che il medesimo esprimerà. [ ...]

Lettera del conte Sempronio Semproni, governatore e castellano di San Leo, al Cardinale De Zelada, 4 ottobre 1791

[ ...] le nuove del Rilegato Balsamo, quale da venti, e più giorni a questa parte osserva rigoroso digiuno, che prima aveva ridotto di soli due giorni di mercoledì e venerdì, presentemente per altro si ciba solo di pane e vino, dispensando per carità tutta la solita provvisione, che regolarmente gli faccio passare, benché questo sia secondo il suo gusto di macheroni di Napoli conditi con bautirro e cacio parmigiano, ed umido, ed arrosto di capone [ ...] .

Lettera del conte Sempronio Semproni, governatore e castellano di San Leo, al Cardinale De Zelada, 23 novembre 1791

[ ...] continuando costui a dipingere con somma velocità, senzaiuto de colori, e pennelli tutte le mura della di lui carcere, il che dice di fare per non poter stare inoperoso, ora che si è perfettamente rimesso dalli finti suoi incommodi di apoplessia, servendosi di colore della ruggine de ferri, e per pennelli della lana del materasso, che accomoda nelle paglie, come mi ha fatto ocularmente vedere, onde non potendosi ciò impedire, crederei di lasciarlo fare, quante volte non scrivesse sul muro cose scandalose e non potesse abusarsi con questo mezzo di scrivere cosa alcuna in carta o in tela che potesse uscire dalla di lui carcere: fra le molte insulse ed inconcludenti scritture e pitture, vedesi un emblema allusivo alle sue operazioni massoniche, che dallo stesso aiutante ho fatto racopiare, e che le verrà dal medesimo esibito, unitamente alla caviglia di ferro, che costui aveva svelta dal vecchio tavolato nella carcere del Pozzetto, ove al presente si va costruendo il nuovo, e che aveva occultata nel luogo accennato, con cattiva intenzione, se non si rimediava sul fatto a tale inconveniente. Le visite e controvisite si fanno frequenti, il forte tavolato è stato svelto in un sol punto, e senzaiuto alcuno distrumento corrispondente, poiché nulla se gli è rinvenuto nascosto, e perché ancora se fosse stato corredato di qualche altro forte istrumento, avrebbe tentato di rompere il muro, o il volto della carcere, e non il tavolato del letto, e chiaramente si rileva che con questo aiuto, avrebbe forse tentata qualche violenza, o rottura, se non si fosse sul fatto prevenuta, ed impedita ogni sua intenzione: non so esprimere a S. E. il rammarico da me provato, nel sentire che dallE. Segr. Di Stato, si attribuisca ogni più vigilante attenzione e premura, che incessantemente si usa sì da me, come da miei subalterni ad una poca custodia, che si abbia di costui, che è un vero estratto di malizia e furberia, per garantirsi dalla quale non basta ogni più oculata avvedutezza. Da questo solo veda a quanto giunge la di lui iniquità, dopo la visita di questa mattina, in un cartellone dipinto nel muro, che era bianco, in unora incirca ha scritta linfame protesta, che ho fatta trascrivere dallAiutante medesimo, acciò che la porti a S.E., di cui ne farà quelluso che crederà opportuno. E frattanto nel fervorosamente raccomandarmi allautorevole suo Patrocinio, con il solito profondo rispetto, minchino al bacio della sacra porpora.



Lettera del Cardinale Legato di Urbino al Cardinale De Zelada, 3 dicembre 1791

Le carte e gli altri arnesi da V.E. rimessimi colle venerate sue del 20, e del 27 dello spirato novembre relative alla persona del rilegato Balsamo, giustificano sempre più la di lui malvagità e la necessità che vi è di custodirlo rigorosamente. Quindi trovo assai ben calcolate e lodevoli le disposizioni da Lei date, tanto per farsì, che nulla si manifesti di ciò, che costui opera, o dice nel Carcere, quanto per raffrenare la di lui abominevole temerità; a qual effetto se non sarà sufficiente il timor della catena e de ceppi, potrà anche farsi uso discretamente del rimedio delle battiture. [ ...]







Lettera del Tenente Pietro Gandini al cardinale Doria, 14 febbraio 1792

[ ...] costui si è messo in fantasia, che dopo la di lui venuta siano stati qui ristretti i capi partigiani del di lui rito massonico in numero di cinque o sei; che sia stata rilegata in questa città anche la di lui moglie, per cui quasi ogni giorno dà incombenza a soldati che gliela salutino e che si portino bene dalla medesima con questo dippiù, che se dovesse essere strapazzata, volgino sopra di lui qualunque oltraggio e castigo, che farlo piombare sulla di lui amante consorte. Ieri volle digiunare a pane e vino; ed a questo uopo disse laltra sera, che gli si portasse nel dì seguente cosa alcuna. Assecondato in questa richiesta, voleva poi iersera che gli si rendesse conto di ciò che aveva avuto; ma subito gli furono voltate le spalle. Dopo che io gli presto il cibo, oggi solamente, eccettuata la minestra che ha mangiata quasi tutta, ha rimandata indietro laltre piattanze cioè il bollito, lumido, ed antipasto, che sono regali del Tamburo, e ciò per far dispetto a chi glie lha somministrata. Vorrebbe sempre una cucina a parte [ ...] .

Lettera del Tenente Pietro Gandini al cardinale Doria, 3 aprile 1792

[ ...] nella giornata egli se la passa disegnando sul muro, procacciandosi il colore dal raschiaticcio delle pitture fatte dal Gasperini. Si è ora fatto
A.
2._

:  
(1)

2014 .. - - (+)

, 05 2016 . 23:32 +

  2014 .. - -

(+)

1480969565_002_78929429_1318247718_540458443_1 (160x120, 37Kb)1480969592_002_040_Cross_bell___Dynamic (64x64, 68Kb)1480969618_002_Cross_950605642_dynamic_8_Kb_ (73x110, 7Kb)

+++

 
 



( )

, 28 2014 25- , , 22 . 
, 26 , , .
, - , , . :
- 13.00 . , , . , - . . , , , .
- , , . . , - 35- "" . . .
- , . . . . . . , . , . .
14.10 "" "-". . .
. . "!", "!", " !".
- . . - , . , . , . 20 . , - 48- . . - .
26- . , .
- . , . . . , .
. . , . , "!".
. . , . .
, , 2005 .
, . , , :
- , . 1 , . , . , , , , - . , , .
. , . . . , . - .
- ?
- , -, - , .
- , ?
- . . , . . , , . , , , . . . , , . . -. .
- ?
- . , . . , , - , , . . , .
- ?
- , . . , , , , , - . - . , . -.
- ?
- , . , . .
" " 11 2005 . 2012 . , , .
17 . - . . -, . , . 
, , , . , . , . . 
2012 , , - . , , , . 
, , – . , -. - : " … . – (). , " . , .
, - , . . , , . 18- .
, . , : , . 
, . , , — .
« , . . — , , . . — », — .
, — .
«: ", ". : ", , !" , "" — , . — , , — . : ", ". , , : ! , , . , », — .
4, 1- 9- , , ", ", " , ", " , ".
10- 15- — , .
, , 15- . " . , . , - , . . . , . , , ", — .
, , . . . 
, 22 . 20- .

***

 
Like
Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
 
Comment

+++

: -
: ?
:
: ,,,

: - -
A.
:
:
:
: ,,,
: - - -
: - -
- Ѳ -
в

1._
- + : - , , , ......

(3)

Benedict XVI about the Church

, 28 2016 . 03:51 +

3418201_002__Cross_GoldenCross_cb938ec29c932d10ca097d452e7d9ca8_Dynamic_11_Kb_ (100x130, 11Kb)3418201_002__040__Cross_bell___Dynamic__kopiya_040_ (64x64, 68Kb)

+++

 

 
 
Sergey Sabsay added a new photo to album:  XVI.
, . 
"... , . , . , . . , , , , . . , , : . . , : , , , . , . , , . . . , " ". , , . , . , , , , 19 . . . , , - - , , , . 
, . . . , : , . , . , , ." 
. " ". 
..: J.Ratzinger "Glaube und Zukunft". Kösel-Verlag: München 1970, S.122-125 
Tatiana Ilyasova
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
 
Comment

+++

 
 

2012 , , 1934 . : « ! . , . (), () . . ³ – ». .

, .

« », , 2016.

In 2012, during the construction of house ratsinheriv pentlinhu letter found in future Pope, which was written by the during of advent in 1934 Then Semylitniy Joseph wrote composed style love letter to Jesus: " favorite smurf Jesus! Soon you're ziydesh on earth. You want potishyty children, but also me. I would like to get mesal (Sluzhebnyk), Green (ornat felon) and the heart of Jesus. Will always be grateful. Congratulations - Joseph ratsinher ". to text was added hilyachka tree with an ornament and a candle.
Now how can we make sure this letter reached the recipient and the request has been completed.
Translation from the book "the hunger of God", Joseph Ratsinhera sermon from pentlinhu, Krakow 2016.
2012 , , 1934 . : «
CATHOLICNEWS.ORG.UA
 
 
 
Like
Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
 
Comment

+++

: -
: .
: --
:
:
:
: ,,,

:
: - -
A.
: -
:
:
- - - -
: - -
:
: - - -
: ,,,
: - - -
: - -
- - -
-
2._
3._

(0)

, 28 2016 . 03:20 +
: ?
:
: ,,,

:
A.
-
- - - -
:
:
: ,,,
: - -
3._
- - -
- Messe pour la liberté religieus
-
䳿 - - .

:  
(0)

? | -

, 17 2016 . 04:38 +
earth-chronicles.ru/news/20...4-11-63436

, , ,

 » 2014 »  » 11 » ?


12:14
?

, , , . , 18 . , – , NPR.

« : « …» « ». 2012 - . , , .

, , , . , VI – IX . , . , , , I – VIII .

2011 , . . , 1999 , 1960- . .

, , . . , , . , , .

: .
- - - .
- - - .
- - - .
:
:
: ,,,

:
: ?
A.
-
- - - -
:
:
- - - -
:
: - - -
: - -
1._
2._
3._
- - -
- Messe pour la liberté religieus

:  

 : [450] 449 448 ..
.. 1